“Un disastro è per sempre” (Jamie McGuire) : Travis & Abby per sempre!

Vi ho parlato dei libri di Jamie McGuire “Uno splendido disastro” e “Il mio disastro sei tu” Qui:–> https://maryho8.wordpress.com/2013/04/12/quando-ti-imbatti-in-uno-splendido-disastro/    e Qui: –> https://maryho8.wordpress.com/2013/11/21/il-mio-disastro-sei-tu-come-amare-ancora-di-piu-travis-maddox/   Non potevo non parlarvi anche di “Un disastro è per sempre” (Garzanti Libri) che definirei un grande flashback, in quanto l’autrice ci porta ai “matrimoni” di Travis & Abby (Se non l’avete letto ancora non continuate a leggere) a Las Vegas e a St.Thomas nei caraibi! Ammetto che mi aspettavo qualcosa in più da questo racconto! Forse qualcosa in più sulla storia di Abby (anche nel primo libro sentivo questa mancanza) . Abbiamo visto che la Famiglia di America ha praticamente adottato Abby ma manca comunque qualcosa sul suo passato, alla McGuire ha sempre interessato di più Travis e la sua famiglia ed infatti attendiamo con piacere il libro sui fratelli Maddox che uscirà quest’estate in America e che avrà come protagonista Trenton! Credo che per quanto riguardi i nostri signori Maddox non ci saranno più altri libri, forse altri racconti, ma non ne sono certa. Il matrimonio a Las Vegas non è stata una fuga d’amore che Travis ed Abby avevano previsto, conosciamo finalmente il vero motivo che ha spinto Abby a chiedere a Travis di diventare suo marito, e cioè per scappare dai guai dopo l’incendio all’università! Ciò che più mi stupisce è che Abby è sempre preoccupatissima per ciò che è successo poche ore prima ed invece Travis solo a tratti si sente in colpa per quello che è accaduto, ma poi è completamente preso dal matrimonio e per lui niente conta più. Il matrimonio a Vegas è un po’ trash, ma si sa tutto il romanzo è un po’ sopra le righe e tutto è da tradizione, persino il buon vecchio e caro Elvis! La McGuire mi stupisce con i suoi riferimenti a Bon Jovi, ma la ammiro ancora di più per questo. Per quasi tutto il racconto sento un’immensa mancanza di America e Shepley, del campus, delle lezioni e persino del Red! Quell’atmosfera che mi ha accompagnato per ben due libri, mi è mancata troppo! Ma poi alla fine della storia l’autrice mi accontenta un po’ e sono davvero felice che dopo un anno abbia inserito un matrimonio come si deve, anzi ” da favola”, perchè i nostri protagonisti lo meritavano davvero. Il resto già lo conosciamo, e forse per la prima volta sento di dover lasciar andare questa storia perchè credo che la storia di Travis ed Abby non verrà trattata più, e ci tocca aspettare solo il famoso film! Ma prima di concludere voglio percorrere due parti che ho amato tantissimo in questo disastro: e cioè la volta in cui Travis parla ad Abby della madre :”<< Una volta mia madre mi ha parlato di te>>, aggiunse Travis guardando dalla finestra alla nostra sinistra. Fuori era ancora buio. Qualsiasi cosa vedesse, non si trovava al di là di quel vetro. <<Di me? Ma è…impossibile!>>. <<Non proprio. E’ successo il giorno della sua morte.>> Sentii una scarica di adrenalina che sembrò defluire verso le dita delle mani e dei piedi. Travis non mi aveva mai parlato di sua madre. Tante volte avrei voluto affrontare il discorso, ma ricordavo la sensazione terribile che provavo quando qualcuno mi chiedeva della mia, perciò non l’avevo mai fatto. << Mi ha detto di cercare una ragazza difficile da conquistare, una ragazza per cui valesse la pena di lottare>>, affermò. Un po’ in imbarazzo, mi chiesi se mi stesse dando della rompiscatole. In realtà lo ero, ma non era quello il punto. <<Ha detto di non smettere mai di combattere. Aveva ragione.>> Travis fece un respiro profondo e quel pensiero sembrò sedimentars nella sua mente. All’idea di essere la donna di cui parlava sua madre mi sentii accettata come mai mi era successo in vita mia. Diane, morta ormai da quasi diciassette anni, mi fece sentire più amata di quanto avesse fatto mia madre. <<Tua mamma mi piace>>, dichiarai appoggiandomi al suo eptto. Lui abbassò lo sguardo e mi baciò i capelli. Non riuscii a vederlo in volto, ma capii dalla voce quanto fosse commosso. <<Anche tu le saresti piaciuta. Non ho dubbi>>.  Questa parte è semplice adorarla, non solo perchè ci riporta ai momenti di Travis e la madre nel libro precedente, ma anche perchè ci fa capire che quando incontri una persona che sarà anche il tuo futuro, è importante che questa persona sia parte della tua famiglia, e come Abby è stata accettata da tutti i Maddox, sicuramente lo è stata anche da Diane e qui mi collego alla seconda parte che ho preferito e cioè quando Travis da ad Abby la lettera che Diane scrisse per il figlio da dare alla sua futura moglie, c’è una frase che secondo me tutti dovrebbero tenere a mente e che dovrebbero custodire in un cammino insieme e cioè : “Il mio augurio è che litighiate solo per poter stabilire chi dei due è più bravo a perdonare”!  Brava la McGuire che oltre a tutti questi bellissimi personaggi ci abbia fatto amare anche un personaggio lontanto e cioè Diane, la madre di Travis! Che dire, anche essendo ormai lontana dall’adolescenza, questi ragazzi mi sono entrati nel cuore e ho ammirato l’amore di Jamie McGuire nel descrivere questa storia bella e a tratti anche un po’ triste! Appuntamento ora al prossimo “disastro”!😉

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...